In questo articolo daremo dei Consigli di Viaggio per la Giordania.
Siate sinceri.
Chi di voi conosce la Giordania?
Non bluffate e non andate a cercare su Google. 🙂
Per noi è accaduta la stessa cosa.

In Italia a gennaio c’è molto freddo e cresce la voglia di scappare via, magari al caldo.
Guardiamo i voli. La Ryanair sta facendo delle promozioni per alcune mete “nuove”.
L’unica che porta in posti caldi è la Giordania.

Mappa Giordania

Mappa Giordania

Prenotiamo il volo a pochi euro, non avendo la minima idea del posto che andremo a visitare.
Comunichiamo la nostra notizia ai nostri genitori è la tensione sale un po’.
“Non vorrete mica andare in quei posti?”
E che posti sono? Guardiamo bene la mappa e i confini della Giordania.
A nord la Siria, a Sud l’Arabia Saudita, ad ovest Israele e ad est l’Iraq, andiamo bene.
Basta chiacchiere, incominciamo a studiare un po’.
Poi arriva il giorno della partenza.
Arriviamo ad Amman, capitale della Giordania.
L’avventura durerà 15 giorni.
In questo tempo abbiamo girato in lungo e in largo.
Cliccando QUI potrai vedere il nostro itinerario.

In molti ci hanno chiesto informazioni sulla Giordania.
In questo articolo risponderemo ad alcune domande sul nostro viaggio.

– Come è una vacanza in Giordania?
A noi è piaciuta tantissimo.
La Giordania è una nazione molto piccola, ma nasconde una varietà di paesaggi e culture che ti stupiranno.
Basta pensare che le maggiori religioni monoteiste sono nate in Giordania.
La gente, poi, è super ospitale (di solito non generalizziamo, ma in questo caso facciamo un’eccezione).

– Come avete organizzato il vostro viaggio? Consigli di Viaggio per la Giordania?
Organizziamo i nostri viaggi in modo molto semplice.
Compriamo i biglietti aerei di andata e ritorno, l’immancabile Lonely Planet e poi incominciamo il nostro viaggio.

Consigli di Viaggio Giordania

Strade in Giordania

La nostra regola è “se ci piace restiamo, in caso contrario proseguiamo”.
Abbiamo noleggiato una piccola auto ad Amman. La scelta è azzeccata.
Le strade sono in buone condizioni, completamente gratuite e ci sono dei limiti stradali che la maggior parte della gente rispetta (gli autovelox funzionano bene).
Uniche criticità sono il caos di Amman e le strade di notte, poco illuminate.
Vi sconsigliamo di viaggiare di notte.

I trasporti pubblici sono discretamente organizzati ma raggiungono solo le mete più turistiche.
Troverete taxi pronti a portarvi ovunque, ma a prezzi europei.

Per il resto, è stato semplice organizzarsi.
Abbiamo attivato una SIM per utilizzare internet e poter prenotare i nostri alloggi giorno per giorno.
Il livello minimo è spartano, ma si trovano alloggi di qualità anche alta che chiaramente costano di più.
Qualsiasi soluzione scegliate, potrete trovare personale che parla inglese, adattatori di corrente per qualsiasi dispositivo e tanta gentilezza.

– La Giordania è cara?

Strada per Petra

Verso Petra

La Giordania non è cara se ci si sa organizzare.
Vi consigliamo di comperare online il Jordan Pass, a partire da 75 dinari (100 euro).
Il prezzo comprende il visto turistico, l’entrata a Petra (che vale 50 dinari da sola) e in altre 40 attrazioni della Giordania (clicca qui).
Se avete intenzione di girare tanto lo consigliamo vivamente.
Diamo un po’ di numeri.
Il caffè costa 0,70 euro, un panino ripieno di falafel 0,70 euro, un piatto di carne in un ristorante locale parte dai 4 euro, gli alberghi partono da 25 euro, la benzina 1 €/litro.
I prezzi possono anche quadruplicare se deciderete di frequentare locali in posti turistici.

L’alcool si trova solo in posti turistici e costa tanto (vino a partire da 15 euro a bottiglia).

Un altro consiglio per risparmiare?
Molte escursioni, come quella nel deserto del Wadi Rum costano meno se si formano piccoli gruppetti (fino a 6 persone). Trovare compagni di viaggio è facile, vi fa risparmiare e vi fa affrontare il viaggio con nuovi amici.

– Le 3 differenze che avete trovato con l’Italia?

  1. Cibo Giordano

    Tipico pranzo giordano

    Il Cibo. Non vi aspettate cornetti e cappuccino a colazione e pasta a mezzogiorno.
    La cucina Giordana è influenzata dalla cultura culinaria Libanese, Siriana, Palestinese.
    Abbondano piatti a base di legumi, come i Falafel, polpettine fritte da “inzuppare” in decine di salse dai gusti forti, agliosi e molto speziati.
    Ad Aqaba abbiamo trovato la miglior frutta secca mai mangiata in vita nostra.
    Il Caffè è speziato al Cardamomo o con altre spezie.
    E il Tè, speziato in mille modi, viene offerto continuamente, come gesto di amicizia.
    Buon Appetito!;)

  2. Il Ruolo delle Donne nella società. E’ impossibile non notare che solo pochissime donne lavorino in Giordania. Le altre fanno le Mamme, il lavoro più difficile al mondo.
  3. Il Fumo nei locali. Chi ha inventato il detto “fumare come un Turco” non è mai stato in Giordania. Tutti fumano e nei locali pubblici è consentito fumare, sigarette o shisha (il narghilè Giordano).
    Nei locali turistici potreste trovare un “buchino” dove non si fuma, ma non date la cosa per scontata.

Approfondiamo sul ruolo della donna nel Medioriente, diverso rispetto al mondo occidentale.
Com è in Giordania?

Donne in Giordania

La nostra amica di Madaba

La Giordania è una nazione per il 98% mussulmana, con orientamento moderato.
Il ruolo della donna è in forte cambiamento.
Tutte le donne portano il velo, ma solo poche indossano il Burqa (velo integrale).
Alcune riforme promosse dalla regina Rania di Giordania stanno facendo incrementare la percentuale di donne che lavorano.
La maggiore autonomia economica, cambierà ben presto la società Giordana, proiettandola verso il futuro.
Le donne Giordane sono proverbiali per la cura del corpo.
La curiosità è che non abbiamo trovato un solo salone di bellezza per donne in tutta la Giordania.
A quanto pare sono seminascosti e poco pubblicizzati.


– C’è qualcosa che non vi è piaciuto?
La Giordania ha un problema evidente con i rifiuti e con il lavoro minorile.
Vi capiterà di incontrare il negoziante che getta rifiuti fuori dal proprio negozio, e l’automobilista indisciplinato che inquina le strade. Le spiagge pubbliche sono molto sporche.
Ci stanno lavorando, ma sono molto indietro.
Un altro fenomeno molto diffuso è il lavoro minorile.
Nei posti turistici troverete piccoli venditori, figli di negozianti, ad imparare il mestiere.
Nei luoghi più remoti, ahimè, i bimbi vendono frutta ai bordi della strada e pascolano gli animali.
Speriamo in una rapida crescita economica.

– Consigliereste un viaggio in Giordania?
Sicuramente si.
Un viaggio in Giordania può servire a scoprire una parte di mondo poco conosciuta.
Lasciate i pregiudizi a casa e buon Viaggio!

Link utili:

  • Sito ufficiale Jordan Tourism: tante informazioni utili per organizzare al meglio una vacanza in Giordania (in Inglese, a breve anche in Italiano)
  • Jordan Pass: il sito ufficiale dove comprare il Jordan Pass, che noi abbiamo trovato comodissimo ed economico!

Post correlati: